• Home
  • In evidenza :

Sharing Box

Cast e Troupe

Attori:
Francesco Nuti nel ruolo di Pinocchio/Della Valle
Chiara Caselli nel ruolo di Lucy Light
Victor Cavallo nel ruolo di Direttore Del Cronicario
Joss Ackland nel ruolo di Brando Della Valle
Charles Simon nel ruolo di Avvocato
Leon Askin nel ruolo di Psichiatra
Jacques Dacqmine nel ruolo di Capo Della Polizia
Mel Berger nel ruolo di Gatto
Pina Cei nel ruolo di Colomba
Novello Novelli nel ruolo di Segugio
Carlo Conversi
Leonard Maguire
Montaggio:
Sergio Montanari
Fotografia:
Maurizio Calvesi
Scenografia:
Luciano Ricceri
Soggetto:
Giovanni Veronesi
Ugo Chiti
Francesco Nuti
Musiche:
Giovanni Nuti
Up Down

La Trama

Il potente banchiere Brando Della Valle viene a conoscenza, attraverso una lettera dell'odiato fratello sepolto, che ha avuto un figlio illegittimo dalla relazione con una servetta. Il giovane, soprannominato Pinocchio, è tenuto in un ospizio per anziani: assiste i vecchietti e li seppellisce una volta morti. L'incontro con il padre e il mondo dell'alta finanza è traumatico per Pinocchio - nel frattempo chiamato Leonardo - che alla sua presentazione ufficiale improvvisa un discorso strampalato, che fa consigliare, dallo psichiatra di Brando, il suo ricovero. Ma il giovane scappa e incontra Lucy Light, una malavitosa in succinte vesti, ricercata per omicidio. Lucy, per depistare i poliziotti, bacia Pinocchio, quindi lo fa salire su un'automobile rubata, e dopo una rocambolesca fuga, in cui la ragazza viene ferita, si rifugia in uno scalo ferroviario. In treno i due raggiungono la campagna, e lei decide di andarsene. Ma vedendola rubare un'automobile Pinocchio tenta di imitarla incorrendo nelle furie del proprietario che viene colpito da Lucy. Insieme i due proseguono la fuga, mentre Brando convince il capo della polizia che Lucy, accusata di aver ucciso in un albergo un falsario, ha rapito il proprio sempliciotto figlio. Giunti presso il confine, Lucy, che in realtà è innocente del delitto, deve procurarsi un passaporto, che un losco figuro le fa avere costringendola alle sue voglie: il fatto scatena l'ira di Pinocchio con conseguente rissa da cui, come sempre, lo salva la ragazza. Giunti al fiume che delimita il confine, i due fanno l'amore in una vecchia baracca in lamiera, ma il mattino la polizia circonda il luogo e uccide Lucy. Non resta a Brando che internare Pinocchio nell'ospizio, dal quale però egli fugge: una barchetta gli permetterà di attraversare quel fiume che Lucy considerava come la grande frontiera per ambedue. Lontano da tutto e da tutti, Pinocchio sarà solo ma libero.

Dalla critica

Il Corriere della Sera Accattivante e intenso nei momenti in cui vuol sembrare un duro, Nuti si direbbe davvero un Pinocchio impersonato da Humphrey Bogart, se la sua programmata impassibilità non si sciogliesse in sguardi e sorrisi di irresistibile tenerezza. Graziosa e ardita, la sua compagna Chiara Caselli è all'altezza del compito, tanto che se fosse americana la vedremmo bene in corsa per l'Oscar. E fra gli altri cammei disseminati in questo film pletorico ma non antipatico, permettetemi di inviare un bacio a Pina Cei, classe 1904: 90 anni portati con la pungente bellezza, il sommesso brio e l'implacabile tempismo che hanno sempre contraddistinto questa meravigliosa caratterista.(Tullio Kezich, 24 Dicembre 1994)

Il Tempo Naturalmente i modi di rappresentazione sono corretti - Nuti ama giocare con le luci, dosare i ritmi, prefabbricare con attenzione colpi di scena e sorprese -ma in definitiva la favola, che non è più tale, non tarda a risolversi in un'avventura già vista e narrativamente scontata, non priva, grazie al mutamento di sesso di Lucignolo, di pagine mezzo erotiche e che almeno lo spettatore senza pretese, cui piacciono le gesta con affanni e con cattivi truci alla caccia dell'innocente, può accogliere, anche con un po' d'interesse. Il resto lo si dimentica e il critico che, in ossequio al diktat, è andato a sorbirselo in sala, volta pagina, rimpiangendo il Nuti anni Ottanta, pur riconoscendogli anche oggi, come attore, delle virtù spesso inimitabili: quella sua perenne adolescenza intristita, ad esempio, quella sua malinconia illuminata, quel tentativo, anche nelle pagine più votate all'azione, di comporsi, dall'interno, una maschera quasi surreale... Attorno, però, purtroppo, c'è il vuoto, e senza rimedio. Una citazione per Chiara Caselli nelle vesti (spesso scarse) di Lucy Light: seduce, non solo Pinocchio ma noi, con un fascino non soltanto esteriore.(Gian Luigi Rondi, 30 Dicembre 1994)

Ultimi commenti
Avatar bellissimPr
/cinemalocali/film/il_venditore_di_medicine_58502 Una scarica di pugni nello stomaco....e senza gastroprotettore.... Di una violenza per me terrificante...(al confronto "arancia me
Vedi Tutti »
Ultimi film votati
Tutto può cambiare Tutto può cambiare
Bello

Ultimo utente che lo ha votato

I due volti di gennaio I due volti di gennaio
Discreto

Ultimo utente che lo ha votato

Vedi tutti »
Contenuti cinematografici forniti da Cinematografo.it